3.6.08

Mariastella, da che pianeta arrivi??

Leggo da ansa oggi:

"UNA TASK FORCE CONTRO BULLISMO E SU DISAGIO - Il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini sta per varare una task force contro il fenomeno del bullismo e per analizzare il disagio giovanile. Lo ha annunciato intervistata da Maurizio Belpietro a Canale 5. Gelmini ha sottolineato come il tema del bullismo possa essere affrontato anche attraverso il ritorno dell'educazione civica, non più come materia di serie B ma inserita nelle ore di lezione già previste, come quella della storia. Ha anche ricordato come a Napoli sia prevista la sperimentazione dell'educazione ambientale che poi potrà essere allargata a tutto il resto dell'Italia. Infine pensa anche alla reintroduzione dell'educazione stradale, tutti elementi che devono essere finalizzati a far diventare i giovani dei "cittadini consapevoli"."

ehhhh? Sono anni e anni che si fa educazione civica ed educazione stradale, ne abbiamo fin sopra i capelli di segnali e di incontri con tutte le forze dell'ordine, di educazione alla diversità, ai diritti, alla legalità...


Mariastella, ma da che pianeta vieni???

postilla:

"Educazione ambientale SPERIMENTALE" a Napoli?? Ma cosa sperimentano? Insegno da 25 anni e da 25 anni si fa educazione ambientale qui in Piemonte...A Napoli sperimentano? Non ci posso credere.Colleghi napoletani, se ci siete battete un colpo!

4 commenti:

  1. Ciao,
    faccio parte di un tavolo di lavoro per la presentazione in parlamento di una proposta di legge sul bullismo e proprietario di un sito web, wemustact.org. Potresti contattarmi per favore ad info@wemustact.org che desidererei sapere la tua opinione al riguardo della task force sul bullismo?.

    Michele Capaccioli
    www.wemustact.org / www.michelecapaccioli.com

    RispondiElimina
  2. Anonimo7:33 AM

    HO visto il link sul blog di A.Rita
    e sono venuta a curiosare! mi sono soffermata su questo articolo e come te sono rimasta indignata! anch'io insegno da 25 anni nella scuola primaria, e posso assicurarti che gia da supplente insegnavo ed. stradale e ed. alla convivenza democratica, senza sperimentazione e senza che fosse anche di mia comppetenza. Mi unisco a te e grido: MA IN CHE MONDO VIVE, il nuovo ministro? proviene dal pianeta dei nuovi arrivati, che pensano di scoprire l'acqua calda!
    ciao !sono elisa, insegnante nella scuola primaria.
    piacere di averti incontrato!
    maestraelisa.blog.tiscali.it
    un caro saluto
    elisa

    RispondiElimina
  3. Ha fatto benissimo il ministro Gelmini. L'educazione Civica e Ambientale deve essere una vera e propria materia di studio e non una semplice sperimentazione affidata alla buona volontà di qualche professore o di qualche plesso scolastico. La novità sta nel fatto che l'educazione Civica e Ambientale debba essere una materia oggetto di valutazione al pari delle altre. Vada avanti Ministro, qualcuno non ha compreso la valenza di questa iniziativa.
    Carmine Attanasio (elettore di centrosinistra).

    RispondiElimina
  4. Dopo aver visto il presidente Fini fare il bagno nella riserva integrale di Giannutri io dovrei dare un voto in decimi all'educazione civica e ambientale di un bambino?
    Si tratta di percorsi di crescita che durano tutta la vita, ed hanno senso solo se vi sono adulti che invece di blaterare sono capaci di essere "modello".
    Io di modelli educativamente validi tra gli adulti ne vedo sempre meno...
    Metto 9/10 al mio allievo che sa dirmi come differenziare l'immondizia? Tanto poi a casa cosa ne so di dove la sua famiglia butta il pattume...Siamo un Paese molto incivile e non abbiamo ancora capito che i bambini osservano e ascoltano ciò che fanno i grandi, e sanno ben capire da che pulpito arriva la predica.

    RispondiElimina