27.2.20

Frida


Ecco l'ultima opera della mia mamma artistica, 
Frida Khalo versione bambola di pezza. Mi piace molto!

16.2.20

Il Sunshine Gospel Choir in finale a Italia's Got Talent !


Una scuola diversa si può fare



Dal sito di Kaloj

"Una giornata dedicata al mondo della scuola, all’innovazione, al cambiamento. Quattro relatori d’eccezione, docenti o dirigenti che da anni lavorano con un approccio stra-ordinario, per sperimentare un modo diverso di fare scuola.

Nella mattina Davide TamagniniPaola LimoneDaniele Barca e Ludovico Arte condivideranno la loro esperienza e il loro sapere: siamo convinti che la scuola si possa cambiare solo mettendo a sistema le buone prassi che già ci sono, che già funzionano!

Nel pomeriggio Claudio CernesiLicia Coppo e Mara Benvenuti, formatori del network Kaloi che lavorano da anni all’interno delle scuole, presenteranno i progetti che sono stati sperimentati in questi anni nel contesto scuola, parlando di educazione interculturale, regole e corresponsabilità educativa."

6.2.20

Se la matematica fosse un animale...

Carnevale in coding alla Ciari



Sabato 15 febbraio nel pomeriggio presso la scuola primaria Bruno Ciari di Grugliasco studenti e genitori festeggiano il carnevale con un evento di coding. L’evento, organizzato da Salvatore Iozzo, con la collaborazione di Paola Limone, docenti della scuola Bruno Ciari, insieme ai docenti dell’ I.C. 66 Martiri di Grugliasco, in collaborazione con coderdojo Dschola capitanato dal Champion Stefano Mercurio, coderDojo Torino 2 capitanato dalla Champion Luisa Gonella, e gli studenti dell’istituto Majorana di Grugliasco organizzati dalla prof.ssa Elena Baldino prevede la partecipazione di circa 180 persone.
CoderDojo è un movimento no-profit internazionale con lo scopo di avvicinare i bambini ed i ragazzi (tra 7 e 17 anni) all'informatica attraverso la realizzazione di club di programmazione gratuiti. Il nome deriva dall'unione delle parole coder, cioè programmatore, e dojo, la palestra giapponese in cui si praticano le arti marziali
Ai bambini della scuola iscritti alla manifestazione, seguiti da giovani studenti dell’Itis Majorana di Grugliasco e dell’Itis Pininfarina di Moncalieri, verranno prima presentati i fondamenti della programmazione su uno specifico strumento (Scratch) per poi passare alla realizzazione libera di un’applicazione o videogioco esprimendo la propria creatività. I mentor avranno il compito di guidare e fornire strumenti utili per la risoluzione del problema attraverso un confronto.
La finalità dell’evento sarà quindi quello di fornire un primo bagaglio di conoscenze che permetteranno ai giovani programmatori di proseguire nelle loro esperienze, lavorando poi sui loro progetti in autonomia.
Nella sala adiacente i genitori accompagnatori avranno l'opportunità di assistere ad un seminario dal titolo "L’utilizzo consapevole della rete".
Dopo i saluti del presidente di Dschola Alfonso Lupo, del Dirigente Scolastico Alberto Cervia, del sindaco Roberto Montà e dell’assessore all’Istruzione Emanuela Guarino, esperti del mondo dell'istruzione analizzeranno con i genitori le tematiche sull'utilizzo consapevole della rete, problematica sempre più presente nella vita giornaliera delle persone e dei ragazzi. Interverranno il vice questore della polizia postale Assunta Esposito, il professor Marcello Bozzi del Majorana, il formatore Roberto Marchisio e l’insegnante Paola Limone.
La conclusione dei lavori vedrà come attori principali i bambini che, dopo aver terminato l’attività con i loro tutor, saliranno sul palco per presentare ai genitori le loro creazioni.
L’incontro sarà una festa di condivisione tra genitori, territorio, ragazzi di diversi ordini di scuola, docenti, tutti coloro che parteciperanno, legati da una sola motivazione: stare insieme e crescere.
L’evento è organizzato in occasione del “Safer Internet Day (SID)”, la giornata mondiale per la sicurezza in Rete istituita e promossa dalla Commissione Europea. Obiettivo della giornata è far riflettere le studentesse e gli studenti non solo sull’uso consapevole della rete, ma anche sul ruolo attivo e responsabile di ciascuno per rendere internet un luogo positivo e sicuro.
Maggiori informazioni relative alla giornata SID possono essere reperite presso:

3.2.20

Come stanno i ragazzi

Ho ricevuto questa segnalazione che condivido molto volentieri.

"Per oltre un anno abbiamo lavorato a un documentario sull’incremento dei disturbi psichici dei ragazzi in Italia e in particolare dei tentativi di suicidio e dell'autolesionismo. Una piaga enorme di cui i media non parlano (lo dico per esperienza conoscendo i meccanismi dell’informazione).

Il documentario si chiama “Come stanno i ragazzi” ed è stato realizzato con l’aiuto della Neuropsichiatria Infantile di Padova. Dopo la prima a Padova ci stanno arrivando lettere bellissime di genitori, insegnanti e psicologi che lo hanno visto e che vogliono fare proiezioni.

Nei prossimi mesi lo porteremo nelle scuole. Informazioni sulla pagina dedicata al documentario. Il 15 febbraio faremo una prima a Roma alla Casa del Cinema (ingresso gratuito).

Il link per prenotarsi all’evento è questo, spero possa interessarvi. È una cosa in cui crediamo molto."  https://www.eventbrite.it/e/biglietti-proiezione-del-documentario-come-stanno-i-ragazzi-91769552201 



 TRAILER

19.12.19

Regali natalizi scientifici

Un regalo natalizio che unisce la magia dei colori e delle stelline alla bellezza di un semplice esperimento scientifico nato dalla domanda: 
è più pesante l'acqua o l'olio?









16.12.19

Acqui Terme con mammà

Un regalo di compleanno per la mia mamma, che però abbiamo goduto in due!
Domenica a Acqui Terme, percorsi alle Terme Laghi delle Sorgenti, massaggi in albergo e cena in centro. Rientro il lunedì mattina rilassate come bonzi, e io pronta per ributtarmi in aula.









Molto affascinanti i "bagni di gong": tre quarti d'ora ad occhi chiusi, ad immaginarsi persi nell'Universo...
Cosa sono




Sunshine foto

Un po' di foto dei concerti e di belle facce!











4.12.19

Il Sunshine Gospel Choir in piazza San Carlo


8 Dicembre Torino
Piazza San Carlo | ore 16:00
Gospel Per La Vita

Durante la manifestazione verranno venduti i Panettoni offerti da Maina e CRAI a beneficio della Fondazione Crescere insieme

Sunshine in Tour!


20.11.19

La materia: proprietà dei solidi

Abbiamo iniziato a discutere parlando delle cose che ci circondano, oggetti, piante, animali, acqua, aria...Già avevamo fatto molte osservazioni su materiali diversi e sulle loro caratteristiche, ma ora ci siamo concentrati sui diversi stati.
L'acqua, hanno detto i bambini, la possiamo bere, ma la troviamo anche in cubetti di ghiaccio e nel vapore acqueo...Tre stati che abbiamo chiamato solido, liquido e gassoso. Abbiamo fatto molti esempi di solidi che ci circondano, di liquidi e di gas che conosciamo.
Poi la maestra ha chiesto a un gruppo di bambini i alzarsi e di "diventare" particelle che formano un solido, senza dare altri suggerimenti. I bambini ci hanno pensato un attimo e poi si sono tutti stretti forte. Quando è stato chiesto di diventare particelle di un liquido non hanno avuto dubbi e si sono staccati un po', tenendosi per mano, e trasformandosi in gas hanno scoperto che potevano muoversi liberamente per la classe. Tutti i bambini della classe hanno fatto questa piccola esperienza.

Nei giorni successivi in laboratorio la maestra ha messo in alcuni piatti un po' di zucchero. 

La domanda è stata: secondo voi lo zucchero è da mettere tra i solidi, tra i liquidi o tra i gas? La risposta è stata spiazzante:



Cosa è successo? La spiegazione sta nel fatto che ricordandosi come si erano mossi in classe la maggioranza di loro ha pensato che i granelli di zucchero fossero liberi come le particelle di gas (alcuni video o attività possono essere fuorvianti se poi non verificati nella pratica, anche se noi adulti diamo per scontato che il concetto sia stato appreso).
Insieme abbiamo ripetuto l'elenco delle "cose gassose" conosciute: gas di scarico, gas metano, vapore acqueo, profumi e puzze nell'aria, ossigeno, anidride carbonica...Nel ripeterli si sono resi conto che qualcosa non tornava...
Con l'aiuto di una lente hanno osservato i granelli e hanno fatto le loro osservazioni.





L'idea che i granelli fossero solidi è nata quindi dall'osservazione, dal tatto (e anche dal gusto...)

E’ possibile ottenere parti invisibili dello zucchero?
La maestra ha poi messo lo zucchero in un pestello, chiedendo a ogni bambino di schiacciare bene i granelli.


Poi lo zucchero è stato di nuovo osservato: questa volta i granelli erano davvero molto più piccoli.


È possibile ottenere la completa separazione tra le parti più piccole dello zucchero?


Cosa succederà mettendo lo zucchero in acqua? Scomparirà o si vedrà ancora? Dopo che ogni bambino ha fatto le sue previsioni abbiamo fatto la prova, mescolando lo zucchero in acqua, prelevandone piccole gocce con una pipetta e mettendole su vetrini per poi osservarle con le lenti e anche con un piccolo microscopio attaccato al cellulare della maestra.
Erano ancora visibili molti granelli.




Abbiamo voluto provare partendo da un solido più grande, una pietra vulcanica, che prima di essere pestata nel mortaio è stata attentamente osservata.










In questo caso la polvere in acqua ha reso l'acqua non più trasparente (abbiamo scoperto la parola "opaco" e la polvere a poco a poco si è depositata sul fondo del barattolo.

Le particelle di zucchero disciolte in acqua possono unirsi nuovamente e formare i cristalli?

Qualcuno ha proposto di far scaldare l'acqua zuccherata per farla evaporare. Ne abbiamo messa una goccia su un cartoncino nero appoggiato sulla piastra riscaldante, ma il calore era troppo forte e lo zucchero si è caramellato!
Abbiamo allora lasciato un piatto di acqua zuccherata sul termosifone.
Dopo due giorni l'acqua era evaporata tutta e lo zucchero era sul fondo del piatto, non più diviso in granelli, sembrava una sfoglia sottilissima...


In un bicchiere abbiamo mescolato sabbia, zucchero e segatura. 


Come separare zucchero, sabbia e segatura?
L'idea di dividere i granelli è venuta a qualcuno ma poi è apparsa impraticabile, soprattutto quando abbiamo versato in un piatto sabbia, segatura e zucchero mescolati. 



E' stata una bambina a pensare di aggiungere acqua. Allora le domande sono state? Che cosa succederà alla sabbia? Già lo sappiamo perchè avevamo fatto esperimenti sul suolo, lo zucchero sappiamo come si comporta grazie agli esperimenti precedenti. E la segatura? Molti bambini sapevano che è polvere di legno ottenuta segando tronchi, e quindi se il legno galleggia (lo abbiamo visto l'anno scorso lavorando sul galleggiamento) anche la segatura galleggerà!











Portapillole e matematica

Un'idea bellissima quella della collega Cristina Sperlari: utilizzare dadi e portapillole per fare operazioni matematiche!


Ho acquistato per tutti i bambini il materiale necessario e seguiremo anche noi il percorso suggerito in questa pagina.
E ci faremo venire sicuramente anche altre nuove idee per utilizzarli!

14.11.19

Segnalibri origami

Questi sono i bellissimi nuovi segnalibri 
della 2a C



Qui un tutorial se ci volete provare

Mangiatoie per uccellini

Abbiamo utilizzato i cartoni in domopack per creare delle piccole mangiatoie per gli uccellini, che nei prossimi giorni riempiremo di semi.