17.9.22

Archeoplastica

Una idea intelligente, un progetto utile.

Archeoplastica è un progetto di Millenari di Puglia ideato da Enzo Suma per sensibilizzare sul problema dell'inquinamento da plastica e promuovere un uso più consapevole e responsabile di questo materiale. Dal 2018 sono stati selezionati oltre 200 rifiuti di plastica datati dai 30 agli oltre 50 anni fa per realizzare un museo virtuale online e diverse mostre nelle scuole e in altri luoghi pubblici. L'osservazione e la messa in mostra di reperti di plastica spiaggiata di cinquant'anni fa è il pretesto per raccontare una storia senza fine, quella della plastica, immortale, che si accumula sempre di più nei nostri mari. La conoscenza e la consapevolezza del problema sono quegli elementi necessari che portano al cambiamento di ciascuno di noi nell'uso quotidiano della plastica. Archeoplastica è un progetto di crowdfunding che può essere sostenuto con una donazione attraverso la piattaforma di Produzioni dal basso.


QUI IL MUSEO VIRTUALE


15.9.22

La scuola è iniziata, la testa è in vacanza!

CLICCATE SUI SEGNALINI COLORATI PER VEDERE DOVE SIAMO STATI


IMPARIAMO A CREARE MAPPE ANCHE A CASA, SARANNO UTILI ANCHE ALLE MEDIE!


PER RACCONTARE USIAMO ANCHE QUESTA RUOTA FATTA DAL MAESTRO ROBERTO


Cliccate sulla ruota


14.9.22

Abbracci speciali

22 anni fa ha avuto inizio una semplice adozione a distanza. A luglio abbiamo avuto la prima occasione da allora di abbracciarsi e stare insieme.

Abbiamo camminato, pedalato, visitato musei e città e cucinato piatti tipici e fatto migliaia di foto.

Io ho parlato un francese da chèvre ma voi mi avete fatto sentire brava!
Un'esperienza bellissima che non dimenticheremo. Grazie Lakpha e Pelsang. Ci sentiamo un pezzetto della vostra bella famiglia tibetana.















25.8.22

Da Torino al delta del Po

Da sabato 13 a lunedí 22 agosto 2022.

Questo è stato il sogno avverato di un viaggio già fatto vent'anni fa, e che era rimasto nel cuore.

Questo è stato un viaggio per onorare il fiume Po e tutti i fiumi a lui legati, in un anno che li ha visti ridotti ai mimini termini, un anno che temiamo sia solo il preludio di ciò che sarà.

Da Torino al delta in bicicletta, seguendo anse e argini, strade e piste ciclabili. 


Le tappe:

  • Torino Valenza
  • Valenza Pavia
  • Pavia Piacenza
  • Piacenza Casalmaggiore
  • Casalmaggiore Sustinente
  • Sustinente Ferrara
  • Ferrara Mesola
  • Mesola Cà Tiepolo (Sacca degli Scardovari)
  • Cà Tiepolo Rovigo (con rientro a Torino in treno).

Pedalare imparando

Quando il viaggio sugli argini o in certe strade secondarie diventava un po' monotono ricordo che anni fa accendevamo una radiolina e viaggiavamo appaiati. In questo viaggio abbiamo messo le cuffiette e ascoltato i podcast di Alessandro Barbero. E' stato un viaggiare immersi nella natura e nella storia, tre puntate sulla prima guerra mondiale, poi Caporetto, poi la guerra civile americana...


Animali incontrati

Uccelli trampolieri di tutti i tipi compresi gli ibis sacri, che da anni abbiamo scoperto che hanno scelto le risaie del Piemonte.

Anatre e cormorani.

Cerbiatti, lepri e qualche nutria.


Sole e pioggia

Abbiamo avuto giornate molto calde che non ci hanno permesso di "spalmare" in più ore le pedalate. La prudenza ha suggerito di concentrare gli spostamenti dalla mattina verso le 8 fino alle 14.

La tappa che doveva avvicinarci a Ferrara era troppo lunga, avevo optato per una notte nel paese di Bondeno. Sapevate che esiste Bondeno in provincia di Mantova e Bondeno in provincia di Ferrara? Noi no, e siamo finiti sotto il diluvio a Bondeno di Mantova. Ce ne siamo accorti quando abbiamo chiesto informazioni nel piccolo bar ristorante in cui siamo rifugiati e abbiamo mangiato gnocco fritto e affettato.

A quel punto era tardi, continuava a piovere e la soluzione migliore è stata pedalare per qualche chilometro per poi prendere un treno ed arrivare direttamente a Ferrara.

Lì nella notte si è scatenata la bomba d'acqua e abbiamo scoperto che proprio Bondeno di Ferrara era stato il paese più colpito il giorno prima.

A Ferrara ci siamo fermati un giorno in più, al mattino erano evidenti i danni provocati dal passaggio della depressione atmosferica, strade e sottopassi allagati, alberi abbattuti...Il sole è riapparso in tarda mattinata regalandoci la possibilità di camminare più comodamente tra le vie di questa bellissima città, con il suo centro storico grande, pedonale e ciclabile.


Acqua che manca, acqua sprecata.

Nonostante la grave siccitá, i pilastri dei ponti completamente scoperti e le grandi isole sabbiose, lungo il percorso abbiamo visto chi ancora nelle ore più calde innaffia i campi di mais con gli idranti, ma soprattutto ci ha colpito vedere coltivazioni bruciate dal sole a fianco di campi da golf e da calcio verdissimi, e i verdi fossi bagnati intorno alla ditta Bulgari a Valenza. Contraddizioni forti, quando mangeremo palline da golf e gioielli forse ne capiremo il motivo.

 

Treni e bici

Abbiamo potuto apprezzare alcune delle migliorie fatte per chi vuol trasportare le bici in treno. Il rientro da Rovigo ha imposto tre cambi su regionali, alcuni con

le nuove carrozze adibite al trasporto bici. Ottima cosa ma i posti sono solo 4 per treno, e se il treno è molto affollato le persone si accalcano e appoggiano sulle bici. Eppure abbiamo pagato 3 euro e 50 a bicicletta. Soprattutto d'estate è importante aumentare i posti per permettere ai tanti ciclisti e cicloturisti di usufruire del treno per alcuni spostamenti e i rientri. 

Nessun sottopasso di stazione è attrezzato per cui bisogna sollevare bici e borsoni e fare le scale, certo faticoso e rischioso se si fa tra la gente.

Un altro problema è che non si ha modo di sapere in anticipo dove sará la carrozza per le bici e per coincidenze molto veloci  questo si rivela stressante.


La cosa più bella

La cosa più bella è il viaggio, il continuo lento movimento. Quando pedali sugli argini vedi il mondo scorrere un po' più in basso, sei parte di un immenso diorama. Ci si stupisce ed emoziona per uno stagno coperto di verdissime lenticchie d'acqua, il volo di un airone, le increspature sull'acqua del fiume al tramonto, le risaie, i filari di pioppi, i casolari abbandonati rivestiti dai rampicanti...



20.7.22

Quattro giorni speciali

Siamo partiti in treno alle 5:55 dalla stazione di Grugliasco, con le nostre bici e il nostro carico nelle borse e aspettative nella testa.

Arrivati a Bardonecchia, dopo uno strudel e un caffè, abbiamo iniziato a salire verso la Valle Stretta, per poi continuare fino al Colle della Scala. Finalmente un po' di fresco, anche se già scendendo verso Briancon le temperature sono tornate a salire...


Abbiamo proseguito fino a quella che avevamo stabilito come prima tappa: Guillestre. Lungo la strada il caldo si è fatto davvero pesante, ed è stata una vera gioia fare una pausa vicino a questo piccolo lago, accompagnati da una piacevole musica manouche.

A Guillestre per raggiungere l'albergo c'era ovviamente un'ultima salita al 12 %.



Il viaggio del giorno dopo ha previsto il bel percorso lungo la valle del Queyras e la risalita lungo la strada che porta al Colle dell'Agnello, ma ci siamo fermati a 13 km dalla vetta dove avevamo prenotato presso un rifugio, lo Chalet Genepy, a Molliéres en Queyras. Per raggiungerlo la salita era molto peggio di quella del giorno prima, ma la fatica è stata ricompensata dalla vista e dalle decine e decine di marmotte che uscivano e correvano e fischiavano nel prato dietro al rifugio.  Oltre alle marmotte c'erano anche le pecore e abbiamo avvistato un lupo.












All'alba del giorno seguente siamo ripartiti e abbiamo affrontato la salita al Colle dell'Agnello. Molti anni fa avevamo già raggiunto il Colle ma dal versante italiano. Dal versante francese la salita è meno dura e il paesaggio è bellissimo. Il rifugio a due km dalla cima apriva qualche ora più tardi  ma i responsabili avevano lasciato a disposizione un thermos di caffè caldo e dei biscotti per chi fosse passato di lì.





Al Colle i polmoni si sono riempiti di ossigeno e aria fresca e gli occhi hanno spaziato dal versante italiano a quello francese. Ci aspettavano poi tantissimi chilometri di discesa, interrotti solo da un panino al vitello tonnato a Ponte Chianale, per arrivare a Saluzzo. 

Il caldo soffocante ci ha suggerito di fermarci per la notte, e la mattina dopo abbiamo percorso gli ultimi 60 chilometri fino a casa.

Rientriamo in città, con un clima meteorològico e politico soffocante, ma con negli occhi e nel cuore tanta bellezza commovente. La natura è lì, maestosa e fragile, basterebbe saperla amare e rispettare saprebbe renderci tutti felici. 




16.5.22

La via del dollaro: girare il mondo in modo diverso


(grazie a Anna Nervo per la segnalazione)

Giriamo il mondo e conosciamo gente. Il reddito mensile è ordinato da sinistra a destra in senso crescente, basta spostare il cursore per conoscere altre storie.

Ad oggi sono presentate  432 famiglie in 66 paesi, con 44776 foto e 7226 video.

Entriamo nelle case della gente comune, conosciamo le loro abitudini, guardiamo attraverso le fotografie le condizioni di vita reale, confrontiamo culture tenendo conto delle condizioni economiche.

Ogni racconto è accompagnato da video e fotografie che le famiglie intervistate hanno accettato di condividere.

Un esperimento di forte impatto,  interessante e illuminante, da utilizzare in progetti interculturali e di educazione civica per cogliere la realtà che sta dietro i dati statistici.

Vuoi aggiungere una casa? Ci sono ancora molti posti nel mondo non rappresentati in Dollar Street. Puoi trovare tutte le risorse per documentare una casa qui .

 

14.5.22

Donne e follia in Piemonte




Ieri nella piccola sala adiacente alla biblioteca dei Portici "Elisa", in piazza del Monastero 5, nella piazzetta della Visitazione a Torino, gestita da tante volontarie tra le quali spicca la mia mamma, è venuta a raccontare un suo libro una cara ex collega di Rivoli, Bruna Bertolo. "Donne e follia in Piemonte".
Storie di donne, tante fotografie e tanti documenti raccolti con pazienza, rispetto e desiderio di farle uscire dal buio. Ieri era il 13 maggio, data della legge Basaglia (1978) che chiuse "i vecchi manicomi". Una data significativa.
Vi consiglio di seguire la sua raccolta, davvero interessante.

13.5.22

Una classe elettrica

Quest'anno mi sono divertita e ci siamo divertiti molto affrontando l'argomento energia e elettricità. 

Ecco il nostro sudato e brillante lavoro!

Circuiti elettrici fasi 1 e 2 di paola.limone
Biglietti luminosi di paola.limone
Circuiti nascosti e Sapientino di paola.limone
Circuiti morbidi di paola.limone
Progetto di paola.limone
Laboratorio virtuale e altri circuiti di paola.limone 
Elettricità statica di paola.limone

10.5.22

Conversazioni di lunedì

Sono stata invitata a un piacevole chiacchierata on line da Roberto Maragliano, Stefano Penge e Pino Moscato. Si è parlato di scuola tra un racconto di pedalate e ricordi dei miei anni nel Sunshine Gospel Choir, insomma di alcuni spicchi di limone!

Questa è la registrazione

7.5.22

Viola non lavanda


A pochi metri sfrecciano le macchine, a pochi metri scorre il Po a Moncalieri. Basta un sentiero e sei in un mondo diverso.

17.4.22

Gravel tra gli ulivi

Due bellissimi giri tra gli ulivi sui monti intorno a San Bartolomeo al mare. Strappi taglia gambe ma panorami che ripagano della fatica.







 

27.3.22

Il giardino che vorremmo

Quest'anno abbiamo avuto la fortuna di avere in classe con noi Irene Tarditi, studentessa universitaria a un passo dalla tesi. 

Questo è il bellissimo progetto fatto insieme a lei.

24.3.22

I giusti tra le Nazioni

Giusti tra le Nazioni. Con questa espressione vengono definiti i non ebrei che hanno contribuito a salvare gli ebrei negli anni dello sterminio nazista. Il compito di ricordare e celebrare queste persone è affidato al Memoriale Yad Vashem, a Gerusalemme, un istituto promosso proprio con l'obiettivo di ricordare e tramandare la storia del popolo ebraico durante la Shoah. A tutti questi Giusti, è dedicato all'interno del Memoriale un giardino, all'interno del quale per ogni persona nominata veniva piantato un albero. 




Il video che ha commosso il mondo: 
lo Schindler britannico circondato dai "bambini" che salvò

Con il gruppo dei bambini che seguono l'attività alternativa abbiamo scelto 5 tra i giusti che li hanno colpiti maggiormente e abbiamo preparato il nostro piccolo giardino.

I nomi dei giusti sono 

  • Gino Bartali
  • Miep Gies
  • Teresa Giovannucci
  • Carlo Angela
  • Sir Nicholas George Winton


 

Le gru di Sadako

 Qui potete leggere la storia di Sadako.


Noi oggi abbiamo voluto aggiungere alle tante gru di Sadako per la pace anche le nostre gru.
Per noi fare origami unisce un allenamento di attenzione, concentrazione e precisione, attività legate alla geometria e in questo caso abbiamo aggiunto un significato: vogliamo la pace!





20.3.22

I genitori stranieri raccontano le fiabe


Colorin Colorado (per scaricare il libro cliccare sull'immagine) raccoglie storie che vengono dai quattro angoli del mondo e che sono arrivate fino a noi dentro la valigia delle mamme e dei papà immigrati o di coloro che oggi fanno un lavoro di mediazione linguistico-culturale nelle scuole e nei servizi educativi. 
Insieme a loro, i racconti hanno attraversato i confini, sono stati messi in scena nelle tre biblioteche che hanno partecipato al progetto BIBLIOTUTTI, hanno permesso di immergersi per un po’ dentro parole e suoni di altre lingue.

14.3.22

VOCABOLARIO Interattivo Parlante italiano ucraino inglese

Condivido questo bel lavoro fatto da alcune colleghe. 
Potrà rivelarsi utile in molte occasioni.


Qui le flash card da scaricare e stampare




Un altro prezioso contributo



Altro materiale preparato e organizzato dalla collega Daniela Comandini.
E' lei che su Facebook scrive:

Grazie ad una amica e collega ucraina che fa parte come me dei TRADUTTORI PER LA PACE - TRANSLATORS FOR PEACE ho predisposto un brevissimo frasario per accogliere nelle nostre scuole d'infanzia (e nelle famiglie) i bambini che vengono dall'Ucraina in questi orribili giorni. Si tratta di brevi frasi da usare nei primissimi giorni. Nelle scuole italiane sono previsti anche mediatori linguistici e psicologi, ma credo che nell'immediato non potranno essere coperte tutte le esigenze.
Ho pensato di inserire anche frasi che possano aiutare ad accogliere e a comprendere le emozioni dei bambini ucraini. Senza forzature, rispondendo eventualmente a bisogni emotivi che potrebbero affiorare.
Speriamo nelle capacità di resilienza dei bambini e nella loro voglia di sopravvivere a tanto orrore.
Qui di seguito alcuni link di canzoni in ucraino per bambini.
Link di cartoni animati:
playlist con delle fiabe lette in russo e in ucraino. È un progetto della Caritas di Vienna
Altre frasi utili in ucraino :
Vocabolario italiano/ucraino
ecco il link al pdf:
Flash cards di Letizia Alba:
Questa piattaforma mette in contatto le persone che hanno bisogno di un riparo con coloro che possono aiutare e viceversa. Se hai un alloggio gratuito da condividere con i rifugiati ucraini, registrati. Se hai bisogno di un posto dove stare, cerca gli host vicino a te sulla mappa.