31.8.11

29.8.11

HOME

15 Cose che Dovresti Smettere di Fare agli Altri


I rapporti umani ci arricchiscono, ma possono essere anche fonte di frustrazione e ansia. Facilmente questi sentimenti sono provocati dal nostro modo di interpretare ciò che ci succede e non tanto da quello che chi ci sta intorno fa o dice. Ho da poco trovato la frase "La vita è per il 10% cosa ti accade e per il 90% il modo in cui vi reagisci", e l'idea mi piace molto.
Le vacanze possono anche aiutare ad avere maggior tempo per riflettere sul nostro modo di agire, di instaurare rapporti, di mantenere relazioni umane.
Ho trovato in rete questo interessante elenco che può essere un buon punto di partenza per le nostre riflessioni.
Personalmete lavorerò di più sui punti n° 3 - 4 - 10 - 14.
E voi su quali punti pensate di dover lavorare?

Smetti di serbare rancore.
– Il rancore e l'astio sono le sensazioni più adatte per tenerti lontano dalla felicità.

Smetti di lamentarti.
– Cerca di utilizzare il tuo tempo e le tue energie per cercare di risolvere il problema.

Smetti di presumere che gli altri sappiano ciò che non hai detto.
– Gli altri non sono in grado di leggere nella nostra mente. Datti da fare per comunicare in modo chiaro e diretto.

Smetti di mettere te stesso al centro del mondo.
– La Terra ruota intorno al sole, non intorno a te. Apri gli occhi e abbraccia questa semplice verità.

Smetti di dire bugie.

– La verità inevitabilmente emerge, presto o tardi. Assumiti la responsabilità delle tue azioni e non nasconderti dietro alle menzogne.

Smetti di incolpare.

– Accusare gli altri non ti consente di raggiungere alcun traguardo. Cerca di assumere il controllo della situazione e di risolvere il problema.

Smetti di dubitare.

– Non lasciare che i tuoi dubbi compromettano i sogni degli altri. Incoraggia le passioni altrui, aiuta il prossimo a raggiungere i suoi traguardi.

Smetti di interrompere.

– Lascia che gli altri si esprimano senza che tu intervenga e interferisca ripetutamente con le tue opinioni. Lascia parlare, verrà anche il tuo turno.

Smetti di essere egoista.

– In ogni rapporto ricevi ciò che dai. Inizia a mettere l'altro nella lista delle tue priorità.

Smetti di giudicare.
– Ognuno sta combattendo le proprie piccole e grandi battaglie. Risparmiaci i tuoi giudizi sugli altri.

Smetti di fare gossip.
– Fare gossip è una situazione in cui ci sono solo perdenti. Si danneggia sia la reputazione propria che quella degli altri. Non perdere occasione per parlare bene degli altri.

Smetti di porti sulla difensiva.
– Se ti senti accusato, non prenderla sul personale. Analizza la critica che ti viene mossa e cerca di porti nella prospettiva altrui. Tieni aperta la tua mente.

Smetti di paragonarti agli altri.
– Ognuno ha i propri punti di forza e le proprie inevitabili debolezze. Non c'è nulla per cui competere tra di noi, proviamo allora a camminare e crescere insieme.

Smetti di cercare di piacere a tutti.
– E' semplicemente impossibile. Cerca piuttosto di essere te stesso e di trattare gli altri sempre con amore, rispetto e gentilezza. E non smettere di sorridere!

Smetti di dare consigli e inizia ad ascoltare.
– Molto spesso le persone intorno a noi hanno bisogno di sfogarsi piuttosto che di sentirci parlare. Impara allora ad ascoltare, aiuta gli altri a scoprire se stessi.

FONTE: vivizen

28.8.11

Vacanze pedalando tra i monti



Quest'anno vacanze montane a Fenestrelle, in Val Chisone. Pedalate e camminate.
Il forte di Fenestrelle è assolutamente da visitare!
Il complesso fortificato comprende tre forti (San Carlo, Tre Denti, Valli), tre ridotte (Carlo Alberto, Santa Barbara, Porte) e due Batterie (Scoglio, Ospedale), collegate fra di loro da una Scala Coperta di 4000 gradini, unica nel suo genere.

La fortezza è visitabile da settembre a giugno
Lun - Giov - Ven - Sab - Dom: 09.00-18.00
Luglio e Agosto tutti i giorni con il medesimo orario.

Telefono: 0121.83.600
Fax: 0121.88.4642
E-mail: info@fortedifenestrelle.com

Noi l'abbiamo visitata tanti anni fa, quest'anno abbiamo partecipato a una delle serate dello spettacolo serale "Dentro le Antiche Mura": personaggi in costume, tra fiaccole e candele, hanno raccontato in varie parti della fortezza la vita durissima che vi si svolgeva. Il forte era anche prigione per detenuti politici.

http://www.fortedifenestrelle.com

21.8.11

Sono




"Sono niente. Non sarò mai niente. Non posso voler essere mai niente.
A parte questo, ho in me tutti i sogni del mondo."


Fernando Pessoa

Amiche


20.8.11

Saggezza giapponese

''Non sorridiamo perchè qualcosa di buono è successo
ma qualcosa di buono succederà perchè sorridiamo''

18.8.11

I vescovi del giorno dopo


Chi ha dovuto fare la triste scelta di un aborto, in particolare chi è cattolico, sa quali sensi di colpa e quanto dolore questo provochi.
Si può essere o no d'accordo con la Chiesa, da sempre fortemente contraria, ma fino a ieri in fondo se ne poteva apprezzare la coerenza.
Poi la notizia: ai sacerdoti che effettueranno confessioni durante la XXVI Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid sarà concesso perdonare il peccato dell'aborto e annullare la scomunica automatica che ne deriva.

Ottimo...E chi non è giovane? E chi non ha potuto recarsi a Madrid??
Ho così fatto una ricerca in rete scoprendo che chi ricorre all'aborto ottenendo l'effetto voluto e chi procura tale aborto viene scomunicato (can. 1398) ma che attualmente la remissione di questa scomunica è stata riservata ai vescovi.

Insomma, è un terribile peccato che provoca la scomunica ma se trovi un vescovo...
Anche per queste cose bastano le giuste conoscenze?

L'obiettivo, secondo un comunicato dell'arcidiocesi è che i credenti "possano raggiungere più facilmente i frutti della grazia divina, che apra loro la porta a una vita nuova". Come non essere d'accordo...Ma perchè non basta un prete qualsiasi per questo?

Il comunicato continua dichiarando che il perdono riguarderà "i fedeli realmente pentiti, tramite l'imposizione di una penitenza appropriata".
E quale potrebbe essere una penitenza adeguata? Camminare sui carboni ardenti? Trasferirsi in una missione in Africa? Adottare almeno 5 bambini? O bastano alcune Ave Maria?
Davvero vorrei saperlo...

17.8.11

Tour dell'Assietta



Ci mancava...

Lunghezza: 56,12 Km
Tempo percorrenza: 6h
Tipo: asfalto (20,10 Km - 36%), sterrato (36,02 Km - 64%)
Dislivello: 1460 metri effettivi
Difficolta': O.C.

Paesaggi che ricordano gli altopiani del Tibet, sole ma aria decisamente frizzante, una grande fatica ma una bella soddisfazione!

QUI PERCORSO E ALTIMETRIA

10.8.11

Chiacchiere d'estate



Si chiacchiera con le amiche di sempre di amori, dolori, sogni e desideri...Le solite cose di cui chiacchieriamo da quando avevamo 16 anni insomma.

Proprio qui sta il punto, ci ritroviamo rugosette come mele cotogne fuori e sognatrici - casiniste dentro.
Prima o poi dovremo trovare il modo per essere sedicenni fuori ma sagge e mature dentro.

A guardarci ridere mi sembra ancora una missione impossibile...Ma forse qui sta il bello.

E allora che la vita ci conservi così amiche mie, con la testa tra le nuvole e il corpo ben ancorato a terra, sempre pronte a sostenerci e a far ridere chi di noi in quel momento vorrebbe solo piangere.

6.8.11

Segui il flusso


“La vita è una serie di cambiamenti naturali e spontanei.
Non opporvi resistenza, avresti solo dispiaceri.
Lascia che la realtà sia realtà.
Lascia che le cose fluiscano naturalmente verso la propria direzione.”


Lao Tzu

Grazie Lao, seguirò il consiglio.

p.s. ho trovato la frase qui, con altri interessanti spunti di riflessione.

Troppo semplice per il genio italico...



Mi chiedo quando anche nel nostro Paese potremo fare una cosa così semplice ed intelligente.
Essendo semplice ed intelligente temo non ce la faremo mai...

3.8.11

A te che dici "non cambia niente"



Cambia tutto, non cambia nulla. E' la vita, sorprendente ed emozionante.
Lasciamoci sorprendere, continuiamo a farci emozionare, saremo ogni giorno speciali agli occhi dell'altro.

TUTTO CAMBIA

Cambia ciò che è superficiale
e anche ciò che è profondo
cambia il modo di pensare
cambia tutto in questo mondo.

Cambia il clima con gli anni
cambia il pastore il suo pascolo
e così come tutto cambia
che io cambi non è strano.

Cambia il più prezioso brillante
di mano in mano il suo splendore,
cambia nido l'uccellino
cambia il sentimento degli amanti.

cambia direzione il viandante
sebbene questo lo danneggi
e così come tutto cambia
che io cambi non è strano.

Cambia, tutto cambia
Cambia, tutto cambia
Cambia, tutto cambia
Cambia, tutto cambia.

Cambia il sole nella sua corsa
quando la notte persiste,
cambia la pianta e si veste
di verde in primavera.

Cambia il manto della fiera
cambiano i capelli dell'anziano
e così come tutto cambia
che io cambi non è strano.

Ma non cambia il mio amore
per quanto lontano mi trovi,
né il ricordo né il dolore
della mia terra e della mia gente.

E ciò che è cambiato ieri
di nuovo cambierà domani
così come cambio io
in questa terra lontana.

Cambia, tutto cambia...