20.11.21

Facciamo uno schedario sugli animali

 Questa attività rappresenta un modo per verificare le conoscenze acquisite sviluppando capacità logiche. 

Dopo aver svolto le ricerche e aver completato le carte d’identità degli animali i bambini avranno a disposizione delle schede "carte d'identità degli animali". 







Generatore di schede on line 

E’ presente in rete all’indirizzo http://www.trainingcognitivo.it/GC/paola/  un programma gratuito ideato dalla maestra Paola e realizzato da Antonio Milanese, un amico logopedista responsabile del sito trainingcognitivo.it che  permetterà di compilare, generare e stampare le schede in modo rapido e comodo, 

Si possono creare e stampare tante schede sugli animali, scrivendo il loro nome, il loro habitat, cosa mangiano e da chi sono mangiati, e aggiungendo altre caratteristiche. Si può disegna l’animale nel riquadro della scheda, o cercare una sua bella fotografia da tagliare e incollare.


Nel nostro caso il foro rappresenta un SI in quanto blocca lo stecchino. 
I NO corrispondono invece ad una rimozione dello spazio corrispondente (lo stecchino non blocca). 

Inserendo tutte le schede perforate in una scatola (ad esempio una confezione di budini in polvere tagliata a metà) sulla quale saranno indicate alcune caratteristiche dei viventi e inserendo un bastoncino nei fori chiusi abbinati a una caratteristica potrai sollevare e quindi estrapolare solo le schede degli animali che avranno quella caratteristica.

 


Prepariamo i contenitori di schede 

Serviranno due scatole di cartone come quelle dei corn flakes. Bisognerà tagliarle all’altezza di circa 9 centimetri, ritagliare e incollare sulle scatole le scritte con le caratteristiche degli animali. Si inseriranno le schede degli invertebrati nella scatola che ha i nomi di 10 caratteristiche, e le schede dei vertebrati nella scatola che ha i nomi di 5 caratteristiche.



Come usare lo schedario? 

Si userà uno stecchino per catturare e sollevare dallo schedario tutti gli animali che hanno la stessa caratteristica.

Mappa e carta di identità


Il mondo è un grande puzzle!

                                              


 CLICCATE SULL'IMMAGINE

13.11.21

La sedia gentile

Anche noi abbiamo voluto partecipare alla settimana della gentilezza con le altre classi della scuola. Mentre gli altri hanno abbellito l'albero noi abbiamo abbellito la nostra sedia!



5.11.21

Origami e geometria

Erano anni che mi dicevo che prima o poi ci avrei provato. E ora ci siamo, da quest'anno utilizzo l'origami per fare geometria, e ci stiamo divertendo un sacco.

Devo ringraziare i tanti colleghi che da anni condividono i loro percorsi e le loro esperienze, tra loro ricordo Gabriella Romano, Cristina Trombin, Maita Bonazzi, Francesco Chesi e il gruppo Fb https://www.facebook.com/groups/origamiedidattica.

Piegare, osservare, immaginare di dividere, assemblare, ruotare...Le formule dei perimetri e delle aree si scoprono insieme, rotazioni, traslazioni e simmetrie si toccano. E le ore di geometria volano! 

Un articolo interessante

Ecco alcune cose che faremo in questi due anni

Ecco alcune foto





29.10.21

26.10.21

Ispirati da Harold Hollingsworth

 Idea presa da https://arteascuola.com/it/2018/10/nuovi-lavori-ispirati-ad-harold-hollingsworth/

 Harold Hollingsworth  è un artista contemporaneo di Seattle, Washington. Ecco alcune delle sue opere.

Anche noi abbiamo voluto provare una sua tecnica.

Ecco le nostre opere!




14.10.21

Eccoci al lavoro nell'orto. Dopo aver arricchito la terra con del concime e aver tolto le vecchie piante di pomodoro e le erbacce, abbiamo rifatto i solchi e abbiamo messo a terra piantine di cavolo verza e cavolo nero, e abbiamo seminato cipolle rosse di Tropea e biete a foglia larga.





Ed ecco il nostro spaventapasseri!





19.9.21

Giulia e Giulia


 Bellissima la serie "Che ci faccio qui" su RAI3 
https://www.raiplay.it/programmi/checifaccioqui

Qui in particolare desidero segnalare a chi non l'ha vista la puntata "Giulia e Giulia".

Giulia, 35 anni, che fin da bambina è affetta da sordità profonda, ha imparato con un metodo innovativo a percepire i suoni attraverso le vibrazioni del suo violoncello. L'altra Giulia (Giulia Cremaschi Trovesi) ha 80 anni, è una musicoterapeuta di fama internazionale, che in Italia non ha mai ricevuto il giusto riconoscimento, e che ha speso tutta la sua esistenza per far uscire dal silenzio tre generazioni di non udenti. Col suo straordinario metodo di insegnamento centinaia di bambini sono saliti sul suo pianoforte e hanno potuto, toccando lo strumento, intuire per la prima volta la bellezza della musica. 

"Giulia e Giulia" si ritrovano a suonare insieme dopo tanto tempo. Un incontro intimo e commovente fatto di note ed emozioni, che scardina i pregiudizi di chi impone la disabilità come un limite.


15.9.21

Per lavorare in classe su Olimpiadi e Paraolimpiadi

Quest'anno abbiamo iniziato la scuola parlando di Olimpiadi e Paralimpiadi. Ho notato che per vari motivi pochi bambini avevano avuto la possibilità di seguirle e quindi lavorarci in classe offrirà la possibilità a tutti di conoscerne la storia, le caratteristiche e gli attori.
Metto a disposizione dei colleghi quanto ho raccolto (le immagini si possono scaricare, assemblare e stampare, in modo da darle ai bambini per avere anche sul quaderno una sezione olimpica:-)

Fatto con Padlet

30.8.21

Vacanze dolomitiche

Otto giorni, solo otto giorni, ma un gran concentrato di bellezza e emozioni.
Domegge di Cadore, il suo lago e il lago di Auronzo, la ciclabile delle Dolomiti fino a Cortina con le sue antiche stazioni, la bellissima valle Fiscalina...

E poi Pocol, la salita ai passi Falzarego e Valparola in bici, la camminata tra le nuvole al Lagazuoi e ai suoi ricordi di guerra, le Cinque Torri, il passo Giau che io non ho avuto le gambe per affrontare ma Augusto si...


Il finale a Belluno, due giorni con il gruppo di amici di Tecnologie nello zainetto, una rimpatriata per lavorare ma soprattutto per stare di nuovo insieme.








24.6.21

Da maestra a maestro: solidarietà!




Da anni seguo e invidio il progetto di scuola pensato e vissuto a Serravalle d'Asti dai bambini del maestro Giampiero Monaca e dei suoi colleghi. Scuola all'aperto, genitori che collaborano, migranti accolti che lavorano fianco a fianco per rendere la scuola più bella e accogliente...Tante idee che Giampiero negli anni ha pubblicato anche nel gruppo fb "insegnanti" che amministro, permettendo a tantissimi di noi di capire come una scuola diversa si può fare.
Ora il progetto è a rischio, genitori e insegnanti stanno chiedendo da tempo che sia riconosciuto a livello ministeriale questo prezioso modello educativo, si stanno mobilitando in tanti e in attesa di risposte Giampiero ha iniziato uno sciopero della fame che ora diventerà una staffetta con tante persone che conoscono e apprezzano il lavoro di questo gruppo di docenti.
Nel mio piccolo ne parlo qui e manifesto tutta la mia solidarietà. Fossi stata più giovane e coraggiosa avrei chiesto trasferimento lì!

Ecco qualche articolo che parla del progetto

I Bimbi svegli vanno a scuola nel bosco e imparano dalla natura




 

9.6.21

Il primo cittadino incontra 19 piccoli cittadini

Oggi in classe è venuto il sindaco di Grugliasco, Roberto Montà. E' venuto per farci i complimenti per il nostro libro digitale sulla città e ha ringraziato tutti noi bambini per il nostro impegno. Anche noi abbiamo ringraziato il sindaco per il suo lavoro e il lavoro di tutti quelli che anche come volontari hanno aiutato in questi mesi, e gli abbiamo detto che noi siamo disponibili a collaborare. 

Alcuni di noi hanno chiesto al sindaco quale  era stato il momento più difficile e quale il migliore per lui, dopo avergli raccontato come noi abbiamo vissuto questo anno del covid 19. Per lui il più difficile è stato vedere tanti morti e tante persone colpite, il più bello deve ancora venire e sarà quando finalmente saremo tutti liberi e sicuri.

Gli abbiamo lasciato una cartellina con un disegno, una nostra lettera e alcune delle frasi scritte nei messaggi chiusi nella capsula del Tempo, in cui parliamo di quanto ci piace la nostra città e del desiderio di vederla sempre più pulita e verde.




Facciamo una capsula del Tempo?

Che cos'è una capsula del tempo?

Una capsula del tempo è un contenitore appositamente preparato per conservare oggetti o informazioni destinate ad essere ritrovate in un'epoca futura.

Ecco qualche esempio interessante.

Un anno scolastico è un tempo abbastanza lungo nella vita di un bambino di scuola primaria, quest'ultimo anno è stato particolare, e abbiamo deciso di conservarne la memoria in una capsula del tempo che seppelliremo in giardino.

"La Storia che qui si racconta non è la Storia di re, regine, capi, emiri, gran mogol, imperatrici, zarine, presidenti o dittatori... ma la nostra. Quella di uomini, donne e bambini che hanno popolato la terra. Un romanzo fiume, iniziato 150.000 anni fa, che non ha fine e di cui noi siamo i protagonisti.

Malgrado periodi cupi, guerre, conflitti che ci hanno contrapposto e continuano a contrapporci, noi abbiamo inventato, lavorato, creato cose meravigliose e trasformato il mondo. Spesso portati a detestarci l'un l'altro, siamo anche stati capaci di fraternizzare. E ci siamo divertiti, perché sappiamo ballare, suonare e cantare..... "

(Yvan Pommaux e Christophe Ylla-SomersSiamo noi la Storia (Babalibri

Cosa metteremo nella nostra capsula?
  • l'elenco delle cose belle che abbiamo vissuto in questo anno
  • I biglietti anonimi in cui abbiamo scritto le cose che invece non ci sono piaciute e ci hanno fatto stare male
  • un oggetto per noi significativo
  • una lettera scritta da ognuno al futuro che verrà

Oggetti nella capsula del tempo

  • Pietro: mascherina firmata da tutti i compagni in ricordo dell'anno del virus Covid (noi bambini andavamo a scuola con questa mascherina nel 2021)
  • Thomas: carta gioco di Bakugan
  • Diego, Marta, Lorenzo B: mascherine 
  • Vittoria: mappa dell'Italia con le regioni rosse, gialle e bianche e il numero dei contagi in data 28 aprile 2021
  • Pietro: carta Pokemon 2021, prima carta colpo singolo. Il gioco dei Pokemon era molto amato nell'anno scolastico 2021.
  • Matteo: auricolari per ricordare le lezioni a distanza dovute alla chiusura delle scuole per il virus
  • Lorenzo U: modellino di auto
  • Gaia: braccialetto per superare le paure
  • Lara: ciondolo a forma di tartaruga, donato perchè dà forza
  • Gabriele: istruzioni per il gioco di carte Pokemon
  • Tassnime: coroncina di una bambola
  • Iustina: ciondolo con la K, iniziale del suo nome rumeno Karina
  • Yassmine: pupazzetto
  • Elisabeth: carta Pokemon 2020
  • Lorenzo C: monetine da 1 e 5 centesimi di euro
  • Victoria: foglio di quaderno a righe usato a scuola
  • Emma: braccialetto magico per ridurre gli errori
  • Maestra Paola: una biro nera e una rossa
  • Maestro Flavio: un gessetto
  • Maestra Barbara: una matita e una gomma
  • Maestra Marina: segnalibro







Ed ecco il momento in cui abbiamo seppellito, oggi 9 giugno 2021, la nostra capsula del Tempo!